Gli esordi

La Mediterraneo Cinematografica è una società indipendente Italiana di produzioni audiovisive, nata nel novembre 2014 come proseguo dei successi personali e collettivi che hanno portato i due soci fondatori dell’Associazione Culturale Basiliciak, nata nel 2008, Giuseppe Marco Albano e Angelo Troiano a trasformare la passione per il Cinema in una professione culminata nella costituzione della Mediterraneo Cinematografica.

La produzione

Con le prime produzioni la Società inizia il proprio percorso di successi nei maggiori festival italiani, ma sarà con le produzioni che vedono la regia del socio Giuseppe Marco Albano, “Stand by me”, vincitore del Nastro d’Argento per la miglior commedia italiana per la sezione cortometraggi, e “Thriller”, finalista Giffoni e vincitore ad oggi di oltre sessanta premi tra cui il prestigioso David di Donatello per il miglior cortometraggio che la Mediterraneo Cinematografica conferma la sua crescita nel panorama cinematografico indipendente italiano. Nel 2016, si amplia il profilo societario, vedendo l’ingresso in Società del giovane professionista Francesco Lattarulo completando l’assetto ideale per soddisfare le esigenze di business richieste dall’industria del cinema. Il percorso continua con la produzione dei cortometraggi “L’Avenir” del regista Luigi Pane, vincitore del RIIF2017, e il cortometraggio “Acquario” di Lorenzo Puntoni, coprodotto con la Lumen Films e con l sostegno del Ministero dei Beni Culturali e Apulia Film Commission, finalista nella rassegna “I LOVE GAI” durante la 75° Mostra Internazionale di arte Cinematografica di Venezia.

Gli ultimi progetti

Nel 2018 la Mediterraneo Cinematografica struttura una partnership con due dei tre output filmici previsti per il grande appuntamento culturale che vede Matera quale Capitale Europea 2019. Nello specifico cura la produzione delegata ed esecutiva del lungometraggio “Margherita e sua madre” del regista internazionale pluripremiato Mohsen Makhmalbaf, e del documentario “Vado Verso Dove Vengo” del regista, già nastro d’argento, Nicola Ragone. Nel 2019 coproduce con Assedio Film il Cortometraggio “Le Abiuratrici” del regista pugliese Antonio De Palo, e partecipa a vari market con vari progetti in sviluppo tra cui Visioni Incontra di Milano, il Balkan Film Market di Tirana, l’Apulia Film Forum di Brindisi ed è tra i progetti finalisti del Biennale College di Venezia con il progetto “La calle Pura” di Alfredo Chiarappa. Nel 2020 concludono la produzione del cortometraggio “Klod” di Giuseppe Marco Albano per Apulia Film Commission, che ha visto la presentazione al Giffoni Film Festival, nel 2021 ha prodotto il documentario corto “Angel” di Alfredo Chiarappa ed ha iniziato lo sviluppo di diversi documentari di creazione internazionale e film di finzione. Nel 2022 ha prodotto il documentario “Noi ce la siamo cavata” di Giuseppe Marco Albano selezionato al 40° Torino Film Festival, il corto di animazione “Caramelle” di Matteo Panebarco, vincitore del premio del pubblico come miglio cortometraggio al 20° Alice nella Città durante il Festival del cinema di Roma e il film di finzione coprodotto con l’argentina Altocine “Rinoceronte” opera terza del regista venezuelano Arturo Castro Godoy. Nel 2023 produce i corti Rosso di Lorenzo Puntoni in associazione con Lumen Film e Del Padre e del figlio, scritto e diretto da Mauro Lamanna, in coproduzione con Oscenica. Tanti sono i progetti in sviluppo e produzione, portati avanti con passione e dedizione dai soci e dai collaboratori, che vede la Mediterraneo Cinematografica impegnata con le tre sedi di Matera, Milano e Roma e con uno sguardo ambizioso rivolto sempre al futuro.

I partner

Angelo Troiano
CEO, founder and producer
Francesco Lattarulo
Partner, producer
Giuseppe Marco Albano
Founder, director and screenwriter
Sponsored

Most Popular Posts
Recent Reviews

By signing in, you agree to our terms and conditions and our privacy policy.

New membership are not allowed.

© 2022 - Mediterraneo Cinematografica srl - Via Ugo La Malfa 5 Bernalda MT - P. IVA 01279790776 - Realizzato con cura da Officine Creative - TRASPARENZA